Non darmi per scontato

Tutti i costi relativi a sicurezza e manodopera sono esclusi dalla concorrenza.

“L’art. 23 della legge regionale n. 3/2010 e le linee guida attuative stabiliscono una prassi corretta di trasparenza nel prezzo delle opere. Pongono a base di ogni contratto per l’appalto di lavori pubblici, un ulteriore elemento di chiarezza su ciò che ci si aspetta di trovare in termini di numero di lavoratori regolari entrando in cantiere ogni giorno”.

 

Le Linee Guida sono lo strumento nuovo di supporto al settore dei lavori pubblici al fine di prevenire il lavoro illegale e la concorrenza sleale. In Umbria nelle gare di appalto di lavori pubblici il costo della sicurezza, l’onere per la sicurezza ed il costo presunto della manodopera utilizzata, non sono soggetti a ribasso d’asta e devono essere congrui rispetto all’entità e alle caratteristiche del lavoro da affidare. 

Le linee guida, previste dall’art. 23 sono state predisposte per supportare l’attività dei soggetti aggiudicatori che nei capitolati, nei bandi di gara, negli avvisi e nelle lettere invito, relativi alle gare per l’affidamento dei lavori pubblici, devono indicare specificamente e separatamente dall’importo dell’intervento: della sicurezza, per la sicurezza e della manodopera.